Green Pass – dove serve

In riferimento al D.L. 105/2021 del 23 luglio u.s. ed ai successivi chiarimenti del Governo, a partire dal oggi 6 agosto 2021 il Green Pass non è al momento richiesto per il check-in nelle strutture ricettive e di conseguenza per accedere ai servizi di ristorazione al chiuso degli stessi.

A far data dal 6 agosto, alcuni alberghi potranno richiedere agli ospiti l’esibizione del Green Pass (QR code o documento cartaceo) solo per usufruire di alcuni servizi previsti dal decreto stesso (ad es. palestre al chiuso, piscine al chiuso o centri benessere) anche in base ai singoli protocolli organizzativi.

Sempre dal 06 agosto, il Green Pass è necessario anche per accedere ai ristoranti al chiuso, per effettuare visite in musei, centri culturali e luoghi di interesse al di fuori degli hotel (ad esempio durante un’escursione), spettacoli aperti al pubblico, eventi e competizioni sportive, piscine, centri natatori, palestre, sport di squadra, centri benessere, anche all’interno di strutture ricettive, limitatamente alle attività al chiuso; sagre e fiere, convegni e congressi; centri termali, parchi tematici e di divertimento; centri culturali, centri sociali e ricreativi, limitatamente alle attività al chiuso e con esclusione dei centri educativi per l’infanzia, compresi i centri estivi, e le relative attività di ristorazione; attività di sale gioco, sale scommesse, sale bingo e casinò; concorsi pubblici.

A partire dal 1 settembre 2021, inoltre, tutti i clienti che viaggiano con aerei, navi, bus o treni (sia interregionali che ad alta velocità) dovranno essere muniti di Green Pass. ll Green Pass sarà dal 1 settembre obbligatorio su navi e traghetti interregionali ad esclusione dello Stretto di Messina, sui treni di tipo Intercity, Intercity Notte e Alta Velocità, sugli autobus che collegano più di due Regioni. Obbligo di certificazione verde anche per gli autobus adibiti a servizio di noleggio con conducente, ad eccezione di quelli aggiuntivi al servizio pubblico locale e regionale.

Ricordiamo che:
– La Certificazione viene generata in automatico e messa a disposizione gratuitamente nei seguenti casi:

  • aver effettuato la prima dose o il vaccino monodose da 15 giorni;
  • aver completato il ciclo vaccinale;
  • essere risultati negativi a un tampone molecolare o rapido nelle 48 ore precedenti;
  • essere guariti da COVID-19 nei sei mesi precedenti.

– Per ottenere il Green Pass è possibile consultare www.dgc.gov.it

– L’esibizione del GREEN PASS non è richiesta ai soggetti esclusi per età dalla campagna vaccinale (minori di 12 anni) e ai soggetti esenti sulla base di idonea certificazione medica rilasciata secondo i criteri definiti dal Ministero della Salute.

In assenza del Green Pass, la Direzione Alberghiera, deputata al controllo, potrebbe negare ai clienti l’accesso ad uno dei servizi segnalati dal predetto Decreto, pena sanzione pecuniaria prevista per i clienti e per la struttura alberghiera.