Speciale Sposi a Mauritius 2021

Quanta fatica hanno fatto gli sposi in questo 2020?

Ma noi non ci abbattiamo e per questo stiamo già pensando al 2021, nella speranza di poter tornare a viaggiare in tutta sicurezza! 

Oggi vi portiamo a Mauritius! Non solo mare, sabbia e sole. Le spiagge sono sicuramente una delle perle dell’isola, ma Mauritius offre molto di più: se siete pronti ad allontanarvi dal resort e avventurarvi nell’entroterra, vi aspetta un’esperienza unica che arricchirà il significato delle parole “attività all’aperto”, “avventura”, “cibo” e “cultura”!

Partenze tutti i giorni dal 24 aprile al 30 settembre 2021.

Spiagge meravigliose

Mauritius vanta meravigliose spiagge di sabbia bianca corallina e lagune dalle acque cristalline i cui colori contrastano vivamente con lo sfondo scuro delle montagne vulcaniche.

Le spiagge più belle sono Pereybère, Flic en Flac, Le Morne, Belle Mare, Blue Bay e Ile aux Cerfs. Una giornata in spiaggia rappresenta inoltre una grande opportunità per conoscere famiglie di mauriziani che trascorrono una giornata di sole con un picnic sulla spiaggia.

Per scoprire le differenze tra il Nord, l’Est, il Sud e l’Ovest dell’isola si può fare il giro costiero in auto, visitando le diverse spiagge. Ogni regione è unica e nasconde numerosi tesori pronti per essere scoperti. Il Nord con le sue distese di spiagge sabbiose colpisce il visitatore per le fantastiche condizioni meteo, la vitalità e le numerosissime attività offerte. L’Est presenta lo spettacolo di vaste lagune dalle acque turchine ed è più ventoso, soprattutto in inverno. Il Sud, con le sue scogliere ripide e selvagge, è una parte dell’isola che lascia a bocca aperta ed è assolutamente da visitare. L’Ovest e il Sud Ovest sono zone calde e secche, ideali per surf, kitesurf e molte altre attività.

Zucchero, rum e tè

La storia e la prosperità di Mauritius sono legate alla coltivazione della canna da zucchero. La canna da zucchero venne introdotta a Mauritius dai coloni olandesi nel lontano 1639, ma fu il governatore francese Mahé de La Bourdonnais ad aprire la prima azienda agricola per la sua coltivazione nel 1743. Oggi, lo zucchero non è più la colonna portante dell’economia dell’isola, come lo fu per lunghi anni nel passato, ma i suoi derivati, come il rum, rimangono estremamente popolari. Tra i turisti è molto popolare anche la Via del tè che permette di visitare le tradizionali piantagioni e le fabbriche di tè, oltre ai musei che ne illustrano la produzione. Assaggiate deliziose e speciali miscele di tè, in particolare il famoso tè alla vaniglia di Mauritius, tra i migliori del mondo! Non scordate di comprarne un po’ da portare a casa.

Giardino botanico di Pamplemousses

Creato oltre 300 anni fa dal famoso botanico francese Pierre Poivre, il giardino è il più antico dell’emisfero australe e vanta una vasta collezione di piante autoctone. Provate a scoprire la statua di Pierre Poivre tra le piante. E consideratevi estremamente fortunati se vi capita di vedere la palma talipot in fiore, perché accade una volta ogni 30-80 anni! Il giardino ospita anche tartarughe giganti, traguli di Giava e spettacolari ninfee. Fate una pausa sotto uno dei numerosi gazebi sparsi in loco e godetevi la tranquillità e il fascino del meraviglioso e speciale giardino botanico di Pamplemousses.

Specialità culinarie

I buongustai si troveranno a loro agio in un paese che offre di tutto, dagli chef stellati ai ristoranti raffinati e agli appetitosi spuntini offerti dalle bancarelle di strada. La delicata insalata “cuore di palma” è famosa a Mauritius e, se il budget ve lo consente, è da provare. Ovunque si possono gustare deliziosi piatti tradizionali – dholl puri, samosa, gateaux arouille e gateaux piments – sia per le strade di Mauritius, sia nei numerosi piccoli ristoranti e take-away. I visitatori imparano presto che la popolazione locale ama il buon cibo. I mauriziani amano organizzare e partecipare numerosi a folkloristici festival culturali, come il Festival di Chinatown, durante i quali si trovano deliziosi piatti e interessanti proposte culinarie.